Cosa è stata #StorieDaTè? 📚☕🍪

Non è facile spiegare in quattro righe quello che mi sta passando per la testa da un po’ di giorni. Quando si arriva alle battute finali di un viaggio o di un percorso, bisogna sempre fare un resoconto. Io proverò a farlo qui, per chi c’è stato (ma ha perso alcuni appuntamenti), per chi non c’è mai stato, per chi ha voglia di leggere quello che provo in questo momento.

Chi mi segue dagli inizi sui vari canali social, sa bene che “Storie da Tè” è stata la mia prima Rassegna Letteraria. La prima occasione per parlare un po’ del mio mondo agli altri, senza uno smartphone (come al mio solito). Ma come è nata?

E’ nata in un pomeriggio di Giugno, ero al nord a parlare di altri libri, in Puglia non volevo tornarci, ed è arrivata una chiamata che ha cambiato tutti i programmi. Dopo il mio “Sì, ci sono!”, ho creato un team con gente folle, che ama osare. E così, da quel giorno, quattro pazzi (Sara, Tommaso, Giuliana e Marianna), si sono visti e rivisti per progettare qualcosa di nuovo e bello.

E’ nata Storie da Tè, la prima Rassegna Letteraria a Cerignola (FG) all’interno di una cioccolateria, Bramo Cioccolateria Perrucci. Tommaso ci ha donato il suo locale e il suo lavoro da maître chocolatier, Giuliana ci ha donato i suoi scatti da fotografa ribelle e il suo lato social media, Marianna, la nostra libraia di fiducia, ci ha permesso di ordinare i libri presentati e si è occupata delle vendite e del contatto con le case editrici. Io ho intervistato gli autori. Tutto qui.

_DSC1729.jpg

 

_DSC6400

Durante l’intera rassegna (da Novembre 2018 a Marzo 2019) sono passati a trovarci sei autori che non smetterò mai di ringraziare, per la disponibilità e per aver risposto alle mie domande (soprattutto).

  • 04 Novembre 2018 : Romano De Marco con “Se la notte ti cerca” (ed. Piemme)
  • 25 Novembre 2018 : Annalisa Graziano con “Colpevoli” (ed. La Meridiana)
  • 02 Dicembre 2018 : Fufilla con “La via di Fuori” (ed. Nicorelli)
  • 27 Gennaio 2019 : Trifone Gargano con “Dante Pop. Canzoni e cantautori” (ed. Progedit)
  • 10 Marzo 2019 : Adriano Angelini Sut con “L’ultimo singolo di Lucio Battisti” (ed. Gaffi)
  • 24 Marzo 2019 : Christian Di Furia con “Un pallido puntino azzurro” (ed. Nowhere Books)

Mesi di lavoro intenso hanno portato a questa piccola grande rassegna, che ha visto autori di ogni genere ed età dialogare con me e confrontarsi con il pubblico. Tutto quello che non ci aspettavamo, è accaduto. Tutto quello che avevo pensato per questo evento, si è avverato. Tutto quello che ho imparato, lo porterò sempre con me.

Abbiamo spaziato su vari temi, abbiamo parlato di carcere, di teatro, di cantautori, di storia, del mondo noir in letteratura, di fumetti. Siamo partiti con Romano De Marco, autore di noir, che ci ha parlato del suo libro “Se la notte ti cerca“, pieno di solitudine e omicidi, per poi passare ad Annalisa Graziano che, con il suo “Colpevoli” ci ha regalato momenti di riflessione sulle condizioni di alcuni detenuti del carcere di Foggia e non solo. Una piccola chicca è stata sicuramente la presentazione de “La via di fuori” di Fufilla, fumettista cerignolano che ha saputo raccontare attraverso immagini e parole vicende che hanno riguardato la sua storia personale. Un nome come quello di Trifone Gargano, invece, non poteva proprio mancare. Il docente di Didattica della Lingua Italiana ci ha parlato di Dante Alighieri in una versione pop, attraverso i testi dei cantautori contemporanei. Adriano Angelini Sut,  penultimo autore del nostro progetto, ha presentato “L’ultimo singolo di Lucio Battisti“, che è tutto tranne che la biografia del noto cantautore. Romanzo storico-familiare, con tematiche forti a fare da sfondo. Ultimo, ma non per importanza, Christian di Furia, autore del monologo teatrale “Un pallido puntino azzurro“, un viaggio fantastico con un protagonista spaziale. 

_DSC6423.jpg

_DSC9735.jpg

Ringrazio la Tipografia Ciemme e Roberto Michelucci per essersi occupato della grafica delle nostre locandine, ringrazio il B&B Casa Giulia e il Ristorante Pizzeria Mistella per aver contribuito come sponsor alla realizzazione di tutto questo. Ringrazio Notiziaweb, per aver documentato ogni appuntamento, ringrazio gli autori e le case editrici che hanno creduto in questo progetto, ringrazio tutti i presenti che hanno animato le presentazioni intervenendo su temi importanti, siete stati tutti preziosi.

La cultura crea legami, fa vivere storie infinite, fa sfogliare pagine sempre nuove, permette di vedere il bello. Abbiamo cercato di unire le forze a nostra disposizione per creare il bello. Abbiamo lavorato tanto e siamo soddisfatti del risultato finale. Non smetterò mai di ringraziare chi mi ha coinvolta in tutto questo, chi mi ha dato questa opportunità e ha creduto nelle mie capacità. Non è scontato trovare qualcuno che la pensi esattamente come te, che voglia fare il massimo per portare nuove iniziative in città. Per me è stata un’avventura strepitosa, che spero si ripeta. Alla prossima!

_DSC2569.jpg

 

 

 

 

 

 

Annunci

Epiche, amiche e innamorate di Chiara Bernocchi – La parola alle eroine 🏹

“La fine di ogni relazione è racchiusa nell’inizio, quando il fuoco che arde dentro di noi ci impedisce di vedere la realtà per quello che è veramente” 

I romanzi epistolari non sono mai stati il mio forte, devo ammetterlo, ma questo piccolo volume ha subito catturato la mia attenzione dal giorno in cui mi è stata inviata la sua anteprima. Prima di parlarvi di questo libro, mi piacerebbe raccontarvi di come ho contribuito alla sua pubblicazione.

Bookabook è una casa editrice diversa dal solito, ha un nuovo modo di vedere l’editoria e il rapporto tra scrittore e lettore. Infatti, i libri pubblicati vengono scelti due volte: la prima dagli editor, quindi da professionisti che giudicano la qualità dell’opera; la seconda dai lettori, che diventano così gli editori morali del volume.

Aver scelto, quindi, di contribuire alla pubblicazione di questo libro mi ha resa parte attiva del progetto. Ma di cosa parla, nello specifico, Epiche, amiche e innamorate?

E’ composto da una serie di lettere, suddivise in 5 sezioni diverse:

1. Dell’amore tradito; 2. Dell’amore consapevole; 3. Dell’amore coniugale; 4. Dell’amore offeso; 5. Dell’amore ingannevole;

Joseph_Stallaert_-_La_mort_de_Didon.jpg

Eroine epiche che si scambiano lettere, perchè accomunate dalla stessa sorte: soffrire per amore. Immaginate Didone che scrive ad Arianna o Dafne che scrive ad Eco, tutto questo puo’ sembrare assurdo, per certi versi, ma c’è qualcosa in quelle parole che ci fa sentire parte di loro. Parlano dell’amore tradito, dell’umiliazione, del tormento, dell’attesa, del volersi vendicare per qualcosa di ingiusto.

“Più non nomino il suo nome, voglio esercitarmi a dimenticarlo anche se qui tutto parla di lui. [….] Ho un’unica colpa: quella di avere amato.”

                                                                                                                                  Didone

La particolarità sta nell’aver associato l’amore alla mitologia greca in questa nuova forma. Niente di tutto questo è stato mai raccontato, approfondito. Attenzione però: parlare d’amore e di sentimenti in un libro puo’ sembrare semplice e spontaneo, non è sempre così, quando si parla d’amore bisogna saper colpire nel segno, bisogna saper trasmettere qualcosa a chi legge. Un rapporto non tra uomo e donna, ma da donna a donna. Un’altra particolarità è l’aver scelto di aprire ogni capitolo con una canzone contemporanea, inerente all’argomento che va ad affrontare l’autrice, da Gianna Nannini a Fabrizio De Andrè.

Giovanni_Battista_Tiepolo_-_Apollo_Pursuing_Daphne,_1755-1760.jpg

Un viaggio, per i lettori, all’interno della vita di queste donne, pronte a tutto per salvaguardare quel sentimento così difficile che è l’amore. Un ritratto attuale delle condizioni di molte donne, di chi aspetta un ritorno che non ci sarà mai, di chi spera nella prossima opportunità, di chi trova nell’abbandono un punto di forza o di disperazione.

Si potrebbe utilizzare questa linea epistolare per incuriosire gli studenti nelle scuole, magari proporre la mitologia greca attraverso queste lettere, così da renderla più piacevole. Il mio voto per questo libro è molto alto, trovo che sia un progetto valido, insolito e curioso!

Link ad Amazon per l’acquisto -> Epiche, amiche e innamorate – Chiara Bernocchi

Titolo : Epiche, amiche e innamorate

Autore : Chiara Bernocchi

Editore : Bookabook

Genere : Romanzo epistolare

Data di uscita : Novembre 2018

Prezzo di copertina : €11,00

Pagine : 131 p.

  • CHIARA BERNOCCHI : è laureata in Storia e Critica dell’Arte all’Università degli Studi di Milano. Il suo racconto breve La prima cosa bella ha ottenuto il secondo posto nella sezione giovani del premio letterario 2016 del Centro Culturale Antonianum. Epiche, amiche e innamorate è il suo primo romanzo.