Adelmo Monachese presenta “Attentato al piccolo principe – Un’indagine per True Detective”. Intervista all’autore

Sabato 20 Gennaio 2018, nella libreria “Biblyos – Bottega della Cultura”, si è svolta la presentazione del libro “Attentato al Piccolo Principe – Un’indagine per True Detective” di Adelmo Monachese, giovanissimo autore foggiano. Io, ovviamente, mi sono precipitata in libreria e l’ho intervistato.

Attentato al Piccolo Principe è la parodia di un capolavoro della letteratura in chiave poliziesca!

«Sei giorni fa ho avuto un incidente durante la notte di Capodanno. Era una sera piena di lavoro e, tra una corsa e l’altra, avevo lasciato il taxi in doppia fila, vicino a un bar dove fanno i maritozzi più buoni di tutta la città. […] Potete immaginare la mia sorpresa quando sono stato svegliato da una bocca impestata di tabacco, whisky irlandese e sonno medicinale che mi diceva: “ehi amico, disegnami una pecora!”».
Da quando sono scaduti i diritti di Il Piccolo Principe, celebre romanzo per bambini, in Italia abbiamo assistito al proliferare di nuove edizioni e merchandising dedicato, che hanno invaso librerie e non solo. Questo libro che per molti, a ragion veduta o meno, è stato fonte di grandi insegnamenti, viene parodiato da Adelmo Monachese per essere ribaltato e modernizzato, e vede nei panni del Piccolo Principe un Matthew McConaughey innamorato, che deciderà di vestire ancora una volta i panni di Rust Cohle di True Detective, alla ricerca del perché questo libro porta a un “deragliamento a lungo termine” in chiunque l’abbia letto.
Perché forse è vero che «l’essenziale è invisibile agli occhi» e gli occhi sono lo specchio dell’anima e vogliono la loro parte, ma chi parte, sa quello che lascia ma non sa quello che trova… ma con questo libro lo saprà.

Quanti di voi non hanno ancora letto il Piccolo Principe? Probabilmente nessuno, ed è giusto che sia così! La satira che fa Adelmo su questo libro, non è legata alla qualità della storia, ma all’uso scorretto di questo Piccolo Principe. Merchandising, edizioni illustrate, frasi lasciate sui social, magliette e tazze, cuoricini, giochi da tavola.. insomma, il Piccolo Principe sembra vivere ancora oggi dentro ognuno di noi! Un libro che va da Gomorra a Mafia Capitale e che fa ridere e riflettere.

WhatsApp Image 2018-01-22 at 04.10.27.jpeg

Ad animare l’incontro con l’autore, la padrona di casa Daniela Tattoli, il giornalista Mimmo Siena e Roberto Russo, attore e lettore per eccellenza, che ci ha deliziati leggendo alcuni passi del libro durante la serata.

Io adesso vi lascio all’intervista fatta ad Adelmo, sotto troverete alcune foto della serata e alcune informazioni in merito al libro e all’autore !


INTERVISTA

S : Ciao Adelmo, come nasce questa idea e soprattutto perchè partire da un grande classico come “Il piccolo principe”? Perchè proprio questa storia, che tanto hanno amato i lettori di tutto il mondo?

A : Sono partito da questo per un mio progetto di parodie, perchè bisogna misurarsi ad un certo punto, se si vuol fare questo lavoro, con i classici, con i giganti. Misurarsi con i più grandi, per darsi una propria misura. Don Chisciotte aveva i suoi mulini a vento, io come mulino a vento ho scelto “Il piccolo principe”, sapendo già che avrei perso questa battaglia. Ma ci sono battaglie che vanno combattute. E poi l’animo satirico va a nozze con una storia delicata e poetica come questa.

S : Questo è il messaggio principale che hai voluto trasmettere ai lettori. Un libro ironico, da poter leggere in pochissime ore, che parte da una bellissima storia. C’è un messaggio concreto : il non aggrapparsi troppo a questo “libro-modello”, andare avanti scoprendo il resto della letteratura.

A : Assolutamente no. Questo è uno dei concetti sui quali mi ripeto spesso. Faccio sempre il paragone con l’alimentazione : quando un neonato inizia a cibarsi, beve il latte materno. Poi si passa agli omogeneizzati e poi man mano mangia attingendo ad una dieta sempre più varia. Il corpo ha maggiori necessità e la mente funziona allo stesso modo. Se noi diamo alla nostra mente sempre “Il piccolo principe” le impediamo di crescere. Il mio non è un giudizio di merito sul piccolo principe, ma sull’uso esclusivo che se ne fa.

S : L’utilizzo di questo luogo, Roma, come sfondo di questa storia. Come mai questa scelta?

A : E’ stato frutto di una decisione abbastanza spontanea, non ci ho riflettuto più di tanto. Il libro è pieno di personaggi come lo è il Piccolo Principe e Roma mi dava la possibilità di essere il punto di incrocio tra vari tipi di personaggi. Soprattutto con la scena iniziale (nel Piccolo Principe è quella di un deserto), Roma mi ha aiutato molto nel darmi il mio deserto : le strade romane la notte di Capodanno, desolate.

S : Progetti per il futuro, anche a livello teatrale?

A : Si, con questo libro siamo andati in teatro con la Piccola Compagnia Impertinente di Foggia, abbiamo fatto le prime sette repliche di “Attentato al Piccolo Principe”. Ci siamo divertiti noi, si è divertito molto il pubblico, quindi desso porteremo lo spettacolo in giro per l’Italia. Invece in fase di scrittura posso dirti che c’è già qualcosa a lavoro di completamente diverso, ma non dico altro, se non che si continuerà a ridere!


 

WhatsApp Image 2018-01-22 at 04.00.50.jpeg

WhatsApp Image 2018-01-22 at 04.06.16.jpeg

WhatsApp Image 2018-01-22 at 04.12.50.jpeg

WhatsApp Image 2018-01-22 at 04.09.41.jpeg

WhatsApp Image 2018-01-22 at 04.00.58.jpeg

Link ad Amazon per acquistarlo → Attentato al Piccolo Principe – Un’indagine per True Detective

Titolo : Attentato al Piccolo Principe – Un’indagine per True Detective

Autore : Adelmo Monachese

Editore : Les Flâneurs

Collana : Fuori Collana

Genere : Fiction

Data di uscita : Settembre 2017

Prezzo di copertina : €12,00

Pagine : 117 p.

  • ADELMO MONACHESE : è autore del collettivo satirico Lercio.it e Acidolattico.org. E’ in libreria con le antologie: Almanacco Luttazzi della nuova satira italiana (Feltrinelli, 2010); Un anno Lercio (Rizzoli, 2014); Inchiostro di Puglia (Caracò, 2015); Lercio. Lo sporco che fa notizia (Shockdom edizioni, 2017). Il suo libro d’esordio è stato I cuochi TV sono puttane (Rogas edizioni, 2015).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...